Intangible Cultural Heritage

 

ICH Intangible Cultural Heritage – PCI Patrimonio Culturale Immateriale – secondo la definizione della Convenzione UNESCO del 2003, si riferisce alle  “prassi, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, il know-how – come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi culturali associati agli stessi – che le comunità, i gruppi e in alcuni casi gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale.

Questo patrimonio culturale immateriale, trasmesso di generazione in generazione, è costantemente ricreato dalle comunità e dai gruppi in risposta al loro ambiente, alla loro interazione con la natura e alla loro storia e dà loro un senso d’identità e di continuità, promuovendo in tal modo il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana.

Ai fini della presente Convenzione, si terrà conto di tale patrimonio culturale immateriale unicamente nella misura in cui è compatibile con gli strumenti esistenti in materia di diritti umani e con le esigenze di rispetto reciproco fra comunità, gruppi e individui nonché di sviluppo sostenibile. (Art. 2 Definizioni)

Lo scenario internazionale

Nel 2007 l’Italia ha ratificato la Convenzione UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale il nostro governo si è impegnato nel processo di applicazione della Convenzione membro attivo degli «Stati parte» che si riuniscono ogni due anni in occasione dell’Assemblea Generale a Parigi ed una volta l’anno in occasione del Comitato Intergovernativo
http://www.unesco.org/culture/ich/

SIMBDEA fa parte del primo gruppo di associazioni non governative accreditate (2009, Abu Dhabi, 4COM) per svolgere funzioni consultive presso il Comitato. 
Nel 2010, in occasione del quinto Comitato (Nairobi 5COM, vedi Report) partecipa come membro fondatore all’istituzione di un Forum delle ONG accreditate, il cui ruolo è riconosciuto e sempre più strutturato. Gli statement delle ONG sono pubblicati ogni anno nel sito ufficiale dell’organizzazione internazionale.
http://www.unesco.org/culture/ich/en/ngo-forums-00422
www.ngoforum.org

SIMBDEA partecipa da allora con sistematicità agli incontri internazionali, occasioni di formazione, informazione, scambio e costituzione di reti nazionali e internazionali di attori e studiosi dei processi di patrimonializzazione. Alcuni Comitati, come quelli di Nairobi, Bali (vedi Report), Baku (vedi Report) e Windhoek (vedi Report di Rieks Smeets) sono stati particolarmente importanti per il tenore delle discussioni e delle decisioni di modifiche alle Direttive Operative che accompagnano l’applicazione della Convenzione.
http://www.unesco.org/culture/ich/en/directives
Nel 2012, si è tenuto a Parigi il primo Forum dei ricercatori dell’ICH (vedi Report, e www.ICHresearchers-forum.org)

Lo scenario nazionale

In seguito al Comitato di Bali, nel 2012 SIMBDEA ha riunito a Roma un primo gruppo di associazioni e studiosi interessati a creare una rete italiana per la Salvaguardia del PCI. Il progetto nasce dall’esigenza di sviluppare processi di partecipazione delle “comunità, gruppi ed individui” ai processi di salvaguardia, favorire reciproca conoscenza e cooperazione tra i diversi attori coinvolti a livello sociale, culturale, istituzionale e scientifico nelle politiche di salvaguardia del patrimonio immateriale.
Del 2012 è stata istituita una commissione tematica interna a SIMBDEA. La mission di SIMBDEA ICH (vedi Documento) chiarisce spirito e obiettivi dell’iniziativa.
Nel gennaio del 2013, grazie ad una proposta della Regione Lombardia, è stato organizzato a Milano un primo seminario internazionale “Il patrimonio culturale immateriale tra società civile, ricerca e istituzioni”(vedi Programma).

Nel 2014, grazie ad un incarico del MiBACT, la commissione Simbdea ICH lavora ad un Report nazionale sullo stato dell’arte del patrimonio immateriale in Italia. (vedi Report)

Tra 2015 e 2016, SIMBDEA ha firmato tre importanti accordi di collaborazione, con l'Unione Nazionale delle Proloco, con il Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università di Firenze, con l'Associazione Giochi Antichi di Verona.

I tre accordi concretizzano una linea di attività in favore dell'attuazione della Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio immateriale in Italia, in uno spirito di rete, di formazione e aggiornamento permanente.

  • Protocollo d'Intesa Simbdea - Ecomuseo del Casentino

     

    simbdea

    E' stato approvato il protocollo d'intesa tra l'Ecomuseo del Casentino e Simbdea.

     
  • Il gioco di squadra tra Associazione Giochi Antichi e Simbdea continua!

    Il gioco di squadra tra Associazione Giochi Antichi e Simbdea continua!

    Questa volta i nostri sforzi si uniscono per cercare comunità di gioco tradizionale che ancora non conosciamo, partendo dall'attenzione comune volta alla tutela del Patrimonio Culturale Immateriale.

     
  • Simbdea diventa Observer del progetto Alpfoodway

    Simbdea diventa Observer del progetto Alpfoodway.

    Un progetto finanziato dal programma Alpin Space, che coinvolge tutti i paesi dell'Arco Alpino in attività di ricerca, scambio di esperienze e valorizzazione del patrimonio alimentare che potrebbe svilupparsi in una candidatura multinazionale della Dieta Alpina.

     
  • Cocullo: progetto di salvaguardia urgente

    L'edizione 2017 della Festa di Cocullo ha visto la presenza di referenti del MiBACT e dalla Commissione Nazionale Italiana l'UNESCO (CNIU) a sostegno del progetto di salvaguardia urgente avviato dalla comunità di Cocullo con il supporto dell'Associazione Alfonso di Nola e di Simbdea.

     
  • Mostra fotografica dal titolo "la comunità che gioca"

    Anche quest'anno Simbdea coordina la presenza dei musei italiani al Forum Cultura Ludica di Tocatì con una mostra fotografica dal titolo "la comunità che gioca", coordinata da Claudio Rosati.

     
  • AGA diventa dal 2017 socio sostenitore di Simbdea

    Associazione Giochi Antichi (AGA) di Verona ha ottenuto il sostegno ufficiale della Regione Veneto per un progetto triennale (2017-2019) di costruzione di una candidatura multinazionale del programma di attività-Festival Tocatì al Registro delle Buone pratiche di salvaguardia del patrimonio immateriale.

     
  • Intangible Cultural Heritage and Museum Project

     

    Il progetto IMP (Intangible Cultural Heritage and Museum Project) di cui SIMBDEA è partner, è stato finanziato dal programma Europa creativa.

     
  • CALL FOR PRESENTATIONS: International conference: "Urban Cultures, Superdiversity and Intangible Heritage"

    Two-day conference with keynotes, case studies, excursions and shared experiences. Conference organized by the Dutch Centre for Intangible Heritage, tapis plein – expertise center for intangible heritage in Flanders, FARO. Flemish Interface Center for Cultural Heritage, German Commission for UNESCO, and in cooperation with the University of Utrecht and the Free University of Brussels UNESCO Chair on critical heritage studies and safeguarding ICH, and the National Commissions for UNESCO in Belgium and the Netherlands.

     
  • International Journal of Intangible Heritage

     
  • HERITAGE COMMUNITIES: Call for Papers

    HERITAGE COMMUNITIES

    Call for Papers

    Twelfth International Conference of Young Researchers in Heritage

    Université du Québec à Montréal (UQÀM)

    September 28 - 30 september, 2017

     

Simbdea, società italiana per la museografia e i beni demoetnoantropologici.
c/o Museo degli Usi e Costumi delle Genti di Romagna
Via Montevecchi 41 – 47822 Santarcangelo di Romagna (RN)

CF: 03251180406
e mail: redazionesito@simbdea.it