MET – Museo Etnografico degli Usi e Costumi della Gente di Romagna

I Cumuli si presentano come monumenti alla memoria collettiva, come soste nelle quali soffermarsi per raccogliere i pensieri, che il museo ha suscitato, e sommarli a quel “pieno di cose” che è rappresentazione del quotidiano e delle sue storie.
met

Cumuli

  • Sguardi (foto storiche di volti di uomini e donne),
  • In vetro (diciotto contenitori di vetro con gli oggetti della vita di tutti i giorni);
  • FiliForme (i licci, tra i protagonisti dell'incontro tra trama e ordito);
  • Intrecciature (cesti piccoli e grandi con intrecci diversi);
  • Piano del calzolaio (la piccola bottega del calzolaio/ciabattino);
  • Nella mente del sellaio (selle e staffe per cavalcare e trasportare oggetti);
  • Per via (calesse, bauli, valige, stampelle, racchette da neve, bicicletta: per partire, muoversi, fuggire...);
  • Fabbrica di scope (dalla realizzazione all'uso domestico).


Digressione è un percorso che accompagna il visitatore fra gli oggetti della vita e del lavoro. Le teche di Digressione contengono oggetti/simbolo che intendono sottolineare legami e discontinuità fra passato e presente.

MetDigressioni

  • L’uomo e gli strumenti del lavoro (un circuito integrato della televisione che vuole sottolineare il passaggio dalla manualità all'infomatizzazione);
  • Miseria e gloria della crusca (da componente povera e spesso avversa della macinazione dei grani alla gloria dell'essere ricercata e messa in pillole);
  • Da un filo di canapa ad un filo di petrolio (dai tessuti realizzati a mano con fibre naturali alla trasformazione della plastica nel sempre più diffuso pile);
  • Vero e falso imitazioni della paglia (dagli oggetti in paglia naturale alle moderne imitazioni);
  • Il mercato, il commercio e lo scambio (il passato con il denaro contante, il presente e il futuro con la carta di credito);
  • Dimmi cosa bevi (tantissimi vini diversi per tanti gusti, una ricetta segreta per una sola bibita venduta in tutto il mondo).

Simbdea, società italiana per la museografia e i beni demoetnoantropologici.

c/o Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
Piazzetta Antonio Pasqualino 5 - 90133 Palermo

CF: 03251180406
e-mail: segreteria@simbdea.it

h5zw4i - 0pzoxg - mjthr6 - ir3699 - q4ggna - s9x48b - gdf2xf - uv8vx4